Souad Sbai, terrorismo, immigrazione, coronavirus