Unicef: appello perché studentesse e insegnanti rientrino a scuola

Unicef: appello perché studentesse e insegnanti rientrino a scuola

L’Unicef torna a farsi sentire sull’emergenza Afghanistan. In un documento esorta studentesse e insegnanti donne a tornare a scuola.

“Negli ultimi anni abbiamo assistito a progressi incoraggianti sull’accesso delle ragazze all’istruzione in Afghanistan – scrive il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia – Il numero di scuole nel paese è triplicato dal 2002.

Negli ultimi 10 anni, l’alfabetizzazione giovanile è aumentata dal 47% al 65%. È di importanza cruciale che le ragazze e i ragazzi in Afghanistan abbiano uguali possibilità di imparare e sviluppare le competenze di cui hanno bisogno per prosperare. Siamo profondamente preoccupati che a molte ragazze potrebbe non essere permesso di tornare a scuola” con il ritorno dei Talebani al potere.
“Le ragazze non possono, e non devono, essere lasciate indietro. È fondamentale che tutte le ragazze, incluse quelle più grandi, siano in grado di riprendere la loro istruzione senza ulteriori ritardi. Affinché questo accada, abbiamo bisogno che le insegnanti possano tornare a scuola”, dice ancora l’Unicef.

“Era chiaro anche prima dei recenti avvenimenti che dobbiamo fare di più per i bambini dell’Afghanistan. 4,2 milioni di bambini non sono iscritti a scuola, di cui 2,6 milioni sono bambine. Per i bambini che sono iscritti, le scuole sono state completamente o parzialmente chiuse negli ultimi dieci mesi, a causa del COVID-19 – già, non dimentichiamo anche c’è anche questo problema, ndr -Sappiamo che quando le scuole chiudono, i bambini più vulnerabili che erano iscritti potrebbero non tornare più in classe”, prosegue il comunicato.
Secondo l’agenzia Onu “è chiaro che l’accesso a un’istruzione di qualità non è solo un diritto di ogni singola ragazza e ragazzo, è anche un investimento. Aumenta le opportunità per ogni bambino, per le loro famiglie e per le loro comunità. I bambini e i giovani in Afghanistan non possono permettersi alcuna battuta d’arresto. O nessun altro ritardo”.

(Fonte: Agenpress)

Alessandra Boga

Comments are closed